Il freddo nemico delle mani

 In CMI, Fisioterapia, mani, Patologie

Mani Fredde

Che freddo! Quante volte ci è capitato in inverno di avere le mani così fredde da non riuscire a girare la chiave nella toppa o a recuperare le monete dal portafoglio per pagare il panettiere.

Sono soprattutto le dita a raffreddarsi e a perdere la destrezza manuale e c’è una ragione ben precisa: le dita delle mani non hanno muscoli, ogni movimento di esse è favorito dallo scorrimento preciso e ingegneristico dei tendini, che hanno un loro motore d’azione nei muscoli dell’avambraccio e del palmo.

I tendini e le articolazioni

I tendini scorrono in una loro guaina grazie al liquido sinoviale che ne permette lo scivolamento.

Il freddo aumenta la viscosità del liquido sinoviale con conseguente maggior attrito interno e le dita stentano a muoversi.

Anche le articolazioni, tre per ogni dito, due per il pollice, in tutto quattordici per mano, si irrigidiscono per lo stesso motivo e la sensazione è di avere delle cinghie poco lubrificate che devono muovere un ingranaggio arrugginito.

Tutto comprensibile se consideriamo che nella mano queste strutture anatomiche sono sottocutanee, pressoché prive di copertura di grasso.

I nostri tendini ci ringraziano se indossiamo i guanti, così come d’inverno copriamo tutte le altre parti del corpo.

Meglio le moffole, che non costringono le dita e ci permettono piccoli movimenti all’interno del guanto.

mani fredde
mani fredde

I nostri consigli

I movimenti consigliati sono quelli definiti dei ”3 pugni”: 5 movimenti con le dita che simulano un gancio; 5 di pugno che mostra le unghie e 5 di pugno normale.

Questi semplici esercizi migliorano le qualità elastiche dei tendini e la loro funzione e scorrimento.

I musicisti che suonano in ambienti poco riscaldati come chiese o conventi devono mantenere ben calde le loro mani fino al momento dell’esecuzione, per evitare al massimo l’aumento della viscosità del liquido sinoviale.

Guanti confortevoli, esercizi dei 3 pugni e movimenti ampi di tutto l’arto superiore aiuteranno a mantenere fluido lo scorrimento articolare e tendineo della mano, migliorando alcune reazioni chimiche del metabolismo del muscolo e diminuendo la viscosità.

Le cicatrici e traumi

Le cicatrici recenti (meno di 12 mesi) sulla mano soffrono l’abbassamento della temperatura e diventano rigide, anelastiche, di colore viola e dolenti, meglio proteggerle con crema alla calendula e ripararle dal freddo, ciò permetterà di mantenere morbido ed elastico il tessuto cicatriziale.

Le mani che hanno subito traumi complessi devono proteggersi dalle basse temperature almeno per 2 inverni, perché hanno subito un forte insulto vascolare.

Il clima rigido è nemico anche di alcune forme di artrite reumatoide che manifestano il fenomeno di Raynaud: il freddo scatena un vasospasmo per cui le dita diventano bianche, poi bluastre.

Il Centro Medico Italiano è un centro d’eccellenza a Milano dedicato ai servizi medici specialistici per l’oftalmologia e per la fisioterapia.

Post suggeriti
0
alterazioni del fil lacrimaleLa medicina omeopatica